top of page
  • Immagine del redattoreMet Bio

Il biologico nel Lazio

Le 5.122 aziende Bio che operano nel Lazio (fonte ARSIAL)




Sono il 6,35% del totale nazionale. La categoria più importante è rappresentata dai produttori esclusivi, che coprono il 79% circa del totale, seguiti dai produttori-preparatori (11%) e dai preparatori esclusivi (10%). Resta invece piuttosto circoscritto il numero degli importatori, limitato a sole 13 aziende in tutta la regione.



La superficie biologica nel Lazio, rilevata a fine 2019, è di 144.035 ha, che rappresentano il 7,2% della SAU biologica nazionale, con un incremento del 2,5% rispetto all’anno precedente. Nella nostra regione il 23,2% della superficie agricola utilizzata viene coltivata a bio. Tra le produzioni spiccano le foraggere, che coprono il 63% delle superfici, seguite dai seminativi (16%), all’interno dei quali la quota principale è rappresentata dalle coltivazioni cerealicole (12,2%). Seguono olivo (6,2%), frutta a guscio (6,1%), ortive (4,4%), altri fruttiferi (2%) e vite (1,6%).




Figura 2 – Ripartizione della SAU biologica per tipologia di coltivazione all’interno della regione Lazio nel 2019 (Fonte: elaborazione ARSIAL su dati SINAB)

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page